button googleplaybutton appstorebutton blackberry

 

 

facebooktwitter2linkedinyoutube

 

Profonda crisi per le Tv in Lombardia

Profonda è la crisi delle Tv locali e che la Lombardia segni il passo significa che la crisi è vera, preoccupante e che rischia di far saltare tutto il panorama delle realtà locali. Scenario che può arrivare anche prima di Natale. Fine delle trasmissioni per Telereporter e Telecampione. Il conto alla rovescia è già cominciato e il sipario calerà lunedì, 5 novembre. Quel giorno le due emittenti della syndication nazionale Odeon, controllata dal gruppo Profit, cesseranno le attività.

Addio tg e programmi per due canali storici del «telecomando lombardo» e addio posto di lavoro per 56 dipendenti su 97, tra giornalisti e tecnici. «Per Natale, come regalo, riceveremo il licenziamento», dice Teresa Mastrandrea, rappresentante sindacale.

Un epilogo che rischia di riproporsi entro fine anno anche per altre tv locali della nostra regione, con una quindicina delle 35 piccole televisioni della Lombardia che corrono il pericolo di spegnere per sempre le telecamere.

Le cause? Crisi del mercato pubblicitario (-20% nel 2012); crollo dei contributi pubblici (da 150 a 60 milioni di euro l'anno), massicci investimenti tecnologici per il passaggio dall'analogico al digitale terrestre (in media 1,5 milioni di euro). Un grido d'allarme aggravato poi dal nuovo bando per le frequenze, che penalizza le micro tv e concede incentivi per la rottamazione dei ripetitori.

Una leva quest'ultima che a Odeon hanno subito sfruttato: spegnendo una serie di impianti, incasseranno dallo Stato complessivi 22 milioni di euro di bonus. Una manna per il gruppo Profit, in crisi dal 2009, e che lo ha spinto a far scorrere i titoli di coda per Telereporter (nata nel 1977) e Telecampione (classe 1980).

Altre tv, però, tremano in Lombardia. A provocare le scosse è soprattutto la riassegnazione delle frequenze, dopo che i canali dal 61 al 69 dovranno essere ceduti alle compagnie telefoniche. Una cessione che allo Stato frutterà introiti per 4 miliardi di euro e che permetterà di erogare incentivi alle tv che decidono di non andare più in onda.

Ma a minare il futuro delle televisioni regionali sono anche i criteri stessi per aggiudicarsi le frequenze, che tendono a favorire le emittenti che hanno un maggior bacino d'utenza. «Non si premiano né la qualità dell'informazione né il merito imprenditoriale, ma soltanto l'estensione del segnale. Ecco perché questo bando è una lotteria», dice Katia Sala, direttore di Teleunica di Lecco e Sondrio.

Pubblicità e finanziamenti pubblici in caduta libera completano il quadro critico. Un panorama al centro del mirino sia al Pirellone nei mesi scorsi, sia qualche giorno fa a Palazzo Marino.

Enrico Mandelli, direttore di 7 Gold: «Il moltiplicarsi di canali ha portato Rai e Mediaset a offrire spazi per gli spot a prezzi stracciati, con la conseguenza che i nostri investitori sono fuggiti da loro».

Fabio Ravezzani, direttore di Telelombardia e Antennatre: «Replicare i fatturati d'oro degli anni 80 è impossibile. Però la situazione attuale è allarmante, soprattutto perché né lo Stato, né gli enti locali erogano più fondi».

Pesano sui bilanci gli investimenti sostenuti il cosiddetto switch-off: «Per il passaggio dall'analogico al digitale - spiega Gianni Visnadi, direttore di Telenova - abbiamo speso 4 milioni di euro e aperto allo stesso tempo altri due canali, ma senza ricevere nessun aiuto economico».

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Notizie piu' lette

  • Ultima settimana
  • Ultimo mese
  • Piu' letti
Grandi sorrisi, incontri ad alto livello, spunti formidabili giunti dal "parterre-de-roi" dell'intenso programma a Palazzo Ducale di...
La 10.a edizione del Forum Europeo Digitale di Lucca si presenta con una novità: la diretta streaming della Conferenza Stampa, che si...
Sembra che niente possa cambiare, ma a Mediaset è giunta l'ora del cambiamento di alcune posizioni, non più competitive. Ed in alcuni...
Aperte le iscrizioni alla 10.a edizione del Forum Europeo Digitale di Lucca, che si preannuncia come la più suggestiva ed importante...
Secondo quanto riportato dall' ultimo sondaggio della YouGov sui consumatori, il segreto della catch up TV (la Tv sul web) è in realtà...
Anche se i fornitori di video online quali Netflix o Hulu sono considerati entrambi servizi OTT, il nuovo studio pubblicato dalla...

etg120x60fbtv120x60fbt120x60pp120x60pp120x60comunicaredigitale120x60